PoggiorealeToday

Davide Bifolco, domani al processo sit-in di solidarietà ai familiari

Nuova udienza per il procedimento a carico del carabiniere che uccise il ragazzo. "Quella notte tra il 4 e il 5 settembre poteva esserci chiunque su quel motorino - scrivono i manifestanti - ma probabilmente l'assassino resterà impunito solo perché indossava una divisa”

Davide Bifolco

Giovedì 19 novembre, alle ore 10, è prevista una manifestazione di solidarietà al Tribunale di Napoli per la famiglia di Davide Bifolco, il giovane ucciso da una carabiniere nella notte tra il 4 ed il 5 settembre 2014 al termine di un inseguimento.

“Davide era il figlio di un quartiere abbandonato al proprio destino – scrivono i movimenti che hanno organizzato il sit-in – dove le ‪istituzioni‬ si presentano solo per delle operazioni di facciata o per arrestare qualche ladro di galline. Quella notte tra il 4 e il 5 settembre poteva esserci chiunque su quel motorino, ma probabilmente l'assassino resterà impunito solo perché indossava una divisa”.

Nel Palazzo di Giustizia al Centro Direzionale è prevista la nuova udienza del processo al carabiniere che ha sparato e ucciso il ragazzo. Il rinvio a domani si era reso necessario dopo la richiesta dell'avvocato della famiglia Bifolco di riaprire l'istruttoria: “Per noi è un omicidio volontario – disse – bisogna riformulare capo di imputazione, non può essere omicidio colposo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

  • "Concorsone": gli elenchi degli ammessi nella categoria C

  • Terremoto, l'Osservatorio Vesuviano: "Il più forte dalla ripartenza del bradisismo nel 2006"

Torna su
NapoliToday è in caricamento