PoggiorealeToday

Cappella della legalità al cimitero di Poggioreale, l'inaugurazione

Sequestrata per abusivismo, è stata assegnata nel 2011 al Comune di Napoli. Al via il bando per l'assegnazione dei 50 loculi

Il taglio del nastro

È stata inaugurata oggi, nel cimitero di Poggioreale, la “Cappella della legalità”. Presenti il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e l'assessore al Patrimonio Alessandro Fucito. Da oggi i napoletani potranno avere un loculo ossario richiedendolo al Comune: bisognerà presentare, entro il 31 gennaio 2016, domanda per un solo loculo, e le assegnazioni verranno effettuate esclusivamente tenendo conto dell'ordine cronologico della data di morte del defunto da esumare, dalla più remota alla più recente. L'assegnatario dovrà quindi pagare un canone deciso dal Consiglio comunale, per una concessione che ha una durata rinnovabile di 40 anni.

La Cappella è diventata di proprietà del Comune in seguito ad un procedimento giudiziario avviato nel 2011. All'epoca, il servizio cimiteriale del Comune accertò la realizzazione di opere abusive all'interno della Cappella. e successivamente anche una compravendita illegale. Da qui, l'avvio del procedimento che si è concluso con il pronunciamento del Consiglio di Stato che si è espresso per l'acquisizione al patrimonio del Comune di Napoli della struttura.

“Si tratta di un risultato storico – ha detto il sindaco de Magistris – con cui si mette in campo una legalità concreta a favore dei cittadini e contro l'abusivismo e la compravendita di cappelle”. Cinquanta i loculi presenti all'interno della Cappella. I cittadini potranno diventare assegnatari di un loculo partecipando a un bando- "La realizzazione della Cappella della legalità è – ha aggiunto de Magistris – un'operazione di trasparenza, di liberazione delle salme, un messaggio chiaro ai lestofanti perché è particolarmente odioso vedere compiere affari illeciti e vicende gravi sulla pelle dei familiari dei defunti".

IL VIDEO DELL'INAUGURAZIONE

“Cappella e bando di assegnazione – ha sottolineato l'assessore al Patrimonio Alessandro Fucito – rientrano in una politica complessiva dell'amministrazione in materia di cimiteri che mira a dare dignità ai defunti, a chi lavora nei cimiteri e a consentire di usufruire dei servizi cimiteriali a tariffe sociali".

Intanto i cantieri per il crematorio in via di realizzazione nel cimitero di Poggioreale vanno avanti. Saranno ultimati entro primavera, e comprendono la realizzazione di un'area in cui accogliere 1200 urne, La struttura sarà su tre livelli: un piano sottoposto dove sarà allestito il forno, un piano intermedio per uffici, e il piano terra dove per cerimonie funebri laiche. In sala anche un impianto video per chi volesse assistere alla cremazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

  • "Concorsone": gli elenchi degli ammessi nella categoria C

  • Terremoto, l'Osservatorio Vesuviano: "Il più forte dalla ripartenza del bradisismo nel 2006"

Torna su
NapoliToday è in caricamento