PoggiorealeToday

Dramma della gelosia al Centro Direzionale: Antonucci aveva già ucciso la prima moglie

Il 54enne che oggi ha sparato contro ex moglie e suo attuale compagno, era già stato in carcere per aver assassinato nel '93 la prima consorte, Loredana Esposito

Emergono nuovi inquietanti particolari sulla vicenda di Giuseppe Antonucci, il 54enne di Casalnuovo che, intorno alle 14 di oggi al Centro Direzionale, ha sparato alcuni colpi di pistola contro ex moglie e suo attuale compagno.

Secondo quanto si apprende, l'uomo aveva già ucciso. La vittima in quel caso fu la prima moglie Loredana Esposito, assassinata il 25 gennaio del 1991.

Agguato passionale al Centro Direzionale (5)-3

L'omicidio avvenne nel Rione Luzzatti, e Antonucci fu condannato a venti anni di carcere nel 1993. Nell'episodio, al culmine di una lite, l'uomo ferì anche cognato e suocera. L'uomo fu quindi scarcerato nel 2003, al termine di una pena trascorsa tra il carcere e l'ospedale psichiatrico giudiziario in quanto gli fu riconosciuta la seminfermità mentale. Antonucci ha avuto una figlia dalla prima moglie e due dalla seconda.

ANTONUCCI SI CONSEGNA ALLA POLIZIA

Nel dramma della gelosia di oggi, il 54enne ha ferito l'ex moglie alla testa e il suo compagno all'emitorace. Sono proprio le condizioni di questi a destare le maggiori preoccupazioni. L'uomo comunque pare non essere in pericolo di vita. La donna è ricoverata al Loreto Mare, l'uomo al San Giovanni Bosco. Entrambi hanno 40 anni.

LE FOTO E IL VIDEO (N.CLEMENTE)
CONTINUA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

  • "Concorsone": gli elenchi degli ammessi nella categoria C

  • Terremoto, l'Osservatorio Vesuviano: "Il più forte dalla ripartenza del bradisismo nel 2006"

Torna su
NapoliToday è in caricamento