PoggiorealeToday

Paura nel carcere di Poggioreale: agenti aggrediti da un detenuto

L'episodio è avvenuto nel padiglione San Paolo. Il detenuto ha colpito con diversi pugni al volto gli agenti della sorveglianza e lanciato loro degli oggetti

Momenti di paura nel carcere di Poggioreale: alcuni agenti di polizia penitenziaria sono stati aggrediti da un detenuto nell'area sicurezza. A denunciare il fatto è l'Osapp (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria).

L'aggressione è avvenuta nel padiglione San Paolo. Il detenuto ha colpito con diversi pugni al volto gli agenti della sorveglianza e lanciato loro degli oggetti. Gli uomini della polizia penitenziaria, medicati al Loreto Mare, hanno riportato trauma facciale e contusioni multiple.
Intanto nel padiglione Avellino i detenuti sono in sciopero della fame.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Urge incremento dell'organico di polizia in tutti i ruoli – spiega il segretario regionale dell'Osapp Campania Vincenzo Palmieri – perché il carcere di Poggioreale ha un consistente sovraffollamento di detenuti di ogni tipologia e una elevata penuria di personale”. Una situazione che a suo parere “pregiudica l'ordine e la sicurezza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel napoletano la spiaggia del sesso tra scambisti, la denuncia: "Succede di tutto"

  • Ricetta delle graffe napoletane con impasto a base di patate

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Nuovi focolai in Campania: isolata la palazzina della donna incinta e positiva

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • Tragedia in spiaggia: uomo muore dopo un malore improvviso

Torna su
NapoliToday è in caricamento